• Pubblicata il
  • Autore: Stefano
  • Categoria: Racconti gay
Ma che bravo il mio compagno! - Caltanissetta Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: Stefano
  • Categoria: Racconti gay

Ma che bravo il mio compagno! - Caltanissetta Trasgressiva

Dopo l'incontro con il super vecchio, avevo deciso di parlarne con il mio compagno. Tentennavo perché consapevole della sua gelosia ma alla fine glielo confessati.
Una sera dopo esserci fatti una bella scopata mentre eravamo nudi sul letto gli dissi della mia scappatella con il super vecchio. in quel momento non ebbe reazioni strane, mi prese solo la testa e con la mano me la spinse sul suo cazzo insultandomi e dicendomi che dovevo bere tutto alla fine, lo accontentai......
Passò circa un mese e non ne parlammo più.
Poi un pomeriggio mi chiama e mi dice se riesco a liberarmi per la sera. Con mille scuse in casa riesco ad andare da lui.
Gli dico che se voleva scopare domani avevo il turno di sera e che avevamo tutto il giorno per noi, non capivo questa fretta.
Tranquillamente mi dice che aveva gente a cena e voleva ci fossi anch'io tutto qua.
Gli rispondo che poteva dirmelo mi sarei vestito diversamente.non ti preoccupare stasera ci ho pensato io.
Prende una scatola ed estrae un completo da cameriera sexy ma solo con la parte davanti e dietro solo un filo che si lega ai bordi. Tu stasera
Ti vesti così e basta.
Mi vesto e suonano alla porta, vai ad aprire troia!
Penso di capire che cosa ha messo su ma sto al gioco.
Vado ad aprire entrano tre uomini sulla 60 due abbastanza tonici uno panzone.
Lui mi presenta: ecco amici la mia vacca sfondata.
Il panzone già infoiato mi mette un dito in culo e ridendo esclama è vero è rotta!
Un aperitivo sui divani e tutti a palparmi il culo, poi si spogliano tutti e quattro. Paolo il mio compagno ed uno dei due fisicati hanno una dotazione normale, uno è curvo da fare paura, il panzone non lo ha lungo ma è larghissimo.
È lui che me li infila in bocca x primo ma non entra nemmeno la cappella nonostante i miei sforzi, e lui ridendo pensa dopo quando ti inculo troia.
Il curvo senza tanti discorsi lo infila ma da tanto che è sorto fa malissimo mi sta rompendo il canale anale.
Io sblocchino a ripetizione gli altri e si comincia a bere sborra e piscia.
Il curvo esce e me lo ficca in bocca, sego Paolo e l'altro e sento il panzone che mi si appoggia sulla schiena. Non usa nemmeno crema od altro punta e spinge ma non entra, si sposta e Paolo mi incula a colpi secchi poi viene e mi stringe il buco x tenetelo sperma dentro.
Chiama il panzone che stavolta almeno con mezza cappella entra, urlo dal dolore , meno male che Paolo sta in una villa da solo.
Si aggrappa alla mia pancia e poi con colpi secchi lo infila tutto, mi sento il culo distrutto, mi sborra dentro e ci piscia purel. Esce ed invita gli altri tre a farlo tanto oramai il buco è cavernicolo.
Ripulisco i loro cazzi, il panzone è esausto Paolo ed un altro si rifanno bocca e culo
Dopo tre ore di monta se ne vanno.
A quel punto Paolo mi dice, vedi troia se la vuoi fare puoi farlo anche qui senza rendermi ridicolo con il tuo super vecchio che conosco bene e si chiama Enzo.
Ora x sei mesi una volta ogni 15 giorni cena da me e dai cosa Aspetta
Comunque all'ultima cena viene Enzo ed il panzone con un bel cubano sfonda buchi, auguroni amore mio.
E bravo il mio compagno.....

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati